Collaborazioni | 26 febbraio 2018 | Fabio Ciarla

POGGIO SANT’ENRICO, IL NOBILE DI MONTEPULCIANO SECONDO CARPINETO

Dei 500 ettari controllati da Carpineto solo 120 sono vitati (più 80 in affitto), di questi solo 167 pertiche – ovvero 5 ettari circa – sono quelli del Poggio Sant’Enrico a Montepulciano, diviso in piccolo e grande.

Da questo 1% delle proprietà della ampia realtà fondata da Giovanni Carlo Sacchet e Antonio Mario Zaccheo nel 1967 nasce l’idea più alta di Vino Nobile di Montepulciano dell’azienda. Il primo in assoluto – come ci spiega Mike Zaccheo – realizzato con solo Sangiovese ormai 20 anni fa, essendo proprio la 1998 la prima vendemmia in cui è stato imbottigliato come singolo cru.

Continua a leggere su Corriere del Vino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *