Collaborazioni | 17 Maggio 2016 | Fabio Ciarla

Olio d’oliva, prezzi stabili ma negli Stati Uniti aumentano i controlli

La situazione del mercato dell’olio d’oliva sembra stabile, anche i Paesi vicini che sono grandi esportatori di prodotto (Grecia e Tunisia) non stanno portando sul mercato grandi quantità e anche per questo i prezzi resistono ad un calo generalizzato dei prodotti agricoli.
Ma il problema principale rimane la qualità e la sua riconoscibilità sul mercato, mentre in Italia si discute ancora – senza trovare una soluzione – sui prezzi minimi dell’extravergine rispetto ai costi di produzione, negli Stati Uniti si lavora per stringere e rendere più efficaci i controlli sugli oli d’oliva importati.

Continua a leggere su TerreLab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.