Collaborazioni | 10 Mar 2018 | Fabio Ciarla

Se a cena ti servono un Brunello 1968. Montalcino secondo Col d’Orcia

Si sente ripetere spesso che Montalcino, fino agli anni 60-70, non era considerata una delle mete enologiche più importanti d’Italia, forse nemmeno della Toscana, ma evidentemente qualcuno che già all’epoca ci credeva c’era. In effetti non sono tante le aziende che possono vantare millesimi di quel periodo, quindi se si ha la fortuna di assaggiare un Brunello degli anni Sessanta o Settanta è bene festeggiare. Se, poi, a presentarlo è lo stesso produttore in una cena realizzata da uno chef di talento come Roberto Rossi del Ristorante Silene, allora c’è di che essere felici. Questo l’approccio nel raccontare la cena “pre” Benvenuto Brunello di giovedì 15 febbraio nella tenuta Col d’Orcia, ospiti di Francesco Marone Cinzano e con l’opportunità di andare indietro di (quasi) 50 vendemmie.

Continua a leggere su Vinix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *