Comunicati | 9 ottobre 2017 | Fabio Ciarla

CREA al G7 Agricoltura: si chiude #Agrogeneration

Il CREA con #Agrogeneration partecipa al G7 dell’agricoltura che si volgerà a Bergamo dal 7 al 15 ottobre, con un programma ricco di appuntamenti. Giunta alla seconda edizione, Agrogeneration è l’iniziativa, patrocinata dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e organizzata dal CREA in collaborazione con il Future Food Institute e Vazapp.

Il 12 ottobre a partire dalle ore 9:30 fino alle 13:00 presso la sede di Treviglio del CREA (Via Milano 43) si svolgerà in collaborazione con Edagricole il farm innovation lab, una giornata in campo dedicata all’agricoltura di precisione in cui saranno presenti trattori di ultima generazione alimentati a metano, quelli costruiti per ridurre al minimo il compattamento del suolo e droni utilizzati per eseguire analisi dettagliate dei terreni e per contrastare i parassiti. A seguire a partire dalle ore 15:00 presso l’Università degli Studi di Bergamo Sant’Agostino (Piazzale S. Agostino, 2) si svolgerà il convegno Il futuro dell’agricoltura in Italia: Modelli e strategie di sviluppo per il Made in Italy.

Il 13 ottobre si alterneranno a partire dalle ore 9:30 3 appuntamenti CREA racconta, il format per avvicinare il pubblico alla ricerca, della durata di un’ora:  Mais in Italy – La filiera del Mais per il Made in Italy, Acqua – Effetti dei cambiamenti climatici sull’agricoltura, Carne e latte – Le produzioni DOP per un allevamento sostenibile.  A seguire a partire dalle ore 14.30 si svolgerà Il sistema della ricerca italiana per l’agricoltura, la conferenza di chiusura di Agrogeneration in cui si discuterà delle ultime frontiere dell’innovazione agroalimentare, dell’importanza della ricerca scientifica per far fronte alle grandi sfide del nostro tempo e del ruolo della ricerca italiana. Interverrà il Presidente del CREA Salvatore Parlato.

 

Fonte: Ufficio stampa CREA

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Email this to someone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *