Enoagricola, il blog sul vino che si sente


2020

“The thirteenth of June nineteen hundred forty-seven, the growers came forward . . .” This is the phrase on Cincinnato labels, and with these words the cooperative was founded, which in these final days of 2017 is winding up its…


Non chiamatelo Giacchè. Anzi sì, forse.

Blog | 20 Dicembre 2017 | Fabio Ciarla

Il Giacchè era il vitigno a bacca rossa della tradizione dei vignaioli di Cerveteri, l’uva per fare il vino migliore, che stava quasi scomparendo fino a una decina di anni fa, soppiantata da varietà internazionali più facilmente apprezzabili sul mercato.…


Don’t call it Giacchè. Well, maybe you can.

Blog | 20 Dicembre 2017 | Fabio Ciarla

Giacchè was the traditional red grape variety of winemakers in Cerveteri (a town northwest of Rome) to make the best wine until about ten years ago, when international varietals began to take its place given their wide appeal in the…


Chi segue Enoagricola su Facebook avrà notato la foto postata domenica scorsa con questo commento: “Oggi #BereBene 2018 del Gambero Rosso, tanti buoni vini e poca stampa (almeno a occhio): eventi coincidenti o scarso interesse?”. [audio mp3="http://www.enoagricola.org/wp-content/uploads/2017/12/BEREBENE.mp3"][/audio] Ero allo Sheraton…


Anyone who follows Enoagricola on Facebook will have noticed the photo I posted last Sunday with this comment: “Today Gambero Rosso’s #BereBene 2018, with many fine wines and little publicity (apparently): overlapping events or little interest?” I was at Rome’s…


L’Asti Secco e il marketing non convenzionale

Blog | 23 Novembre 2017 | Fabio Ciarla

Meglio dirlo subito, in questi giorni ho letto il non breve intervento di Frank Merenda “Melegatti può essere salvata mentre distrugge il suo brand?” e ne sono rimasto colpito, sto vivendo infatti simili sensazioni per esperienze diciamo personali, quindi ammetto…


#AstiSecco – Dry Asti and unconventional marketing

Blog | 23 Novembre 2017 | Fabio Ciarla

Better to be honest from the outset: I was recently struck by Frank Merenda’s long article, “Can Melegatti be saved as it destroys its own brand?” I’ve been experiencing similar personal feelings, so I admit that in some way I’m…


I Trabocchi, il Pecorino, D'Annunzio, la Ventricina, il Montepulciano e poi il mare, i monasteri medievali e l'arte del Novecento. In Abruzzo c'è tutto questo, ma come spiegarlo? Come collegarlo? Ci vorrebbero degli itinerari, dei percorsi... Ecco, facciamo i PERCORSI!…


The “trabocchi” (typical fishing systems found along the Abruzzo coast), pecorino cheese, the writer Gabriele D’Annunzio, Montepulciano wine and the sea, medieval monasteries and 20th-century art. How can all of this be found in Abruzzo? How can it all be…


Servirà un libro che tracci la storia moderna del vino nel nostro Paese? La mia risposta è decisamente sì, mi sembra infatti molto utile poter fruire di un volume sufficientemente completo eppure scorrevole, con tanti spunti di approfondimento e alcuni…


Situescion! La”presentazione” dei vini de La Tognazza come se fosse…: Metti una cena… Leggi
Lazio – Roma, non è calcio ma progettualità per il mercato del vino del futuro: Per ora poco… Leggi
La Tuscia vitivinicola e il suo campione: La Tuscia vitivinicola… Leggi
CASA VECCHIA TOSCANA IGT ROSSO 2016 – LA TOGNAZZA: LE BOTTIGLIE Regione:… Leggi
SOTIRIO TOSCANA IGT ROSSO 2015 – PODERNUOVO A PALAZZONE: LE BOTTIGLIE Regione:… Leggi
AL PORTO DI MARE PER SCOPRIRE IL CACCIUCCO CON LE 5 C E NON SOLO: Tra le specialità… Leggi
MAESTROD’OLIO IN FLORENCE 2020:L’EXTRAVERGINE DI QUALITÀ ARRIVA A FIRENZE: 14, 15 E… Leggi
VINO: COUNT DOWN PER BENVENUTO BRUNELLO  : DAL 21 AL… Leggi
Vino Nobile di Montepulciano: da sabato in Fortezza torna l’Anteprima: Nella Fortezza di… Leggi