Collaborazioni | 19 marzo 2018 | Fabio Ciarla

Aqua Crua, una sinfonia di gusti che non annoia

Realizzare un menu degustazione di un grande ristorante deve essere difficile, a volte bisogna condensare in alcuni piatti anche anni di ricerca. Soprattutto – ed è quello che più ho apprezzato nella visita ad Aqua Crua di Barbarano Vicentino – è necessario fare in modo che il commensale non si stanchi, che abbia di fronte una sinfonia di gusti capace di stimolarlo, magari andando in crescendo, o alternando, oppure creando punti di rottura. Come nella musica classica insomma. Pur non essendo un esperto mi sembra un po’ questa la cifra stilistica necessaria per realizzare un grande menu degustazione, evitando un ritornello pop per una composizione sempre varia, che soprattutto non sia monotona. E non si tratta solo di cambiare l’ordine delle portate, giocando con antipasti e secondi, perché facendo ricerca e sperimentazione queste diventano categorie superate.

 

Continua a leggere su GnamGlam

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *